Ciliegie, ricche di proprietà benefiche per la nostra salute e bellezza.

Depurative, disintossicanti, diuretiche e antireumatiche. Ottime per mantenere il nostro peso forma, ne bastano poche, 25-30, al giorno, a digiuno e con una certa continuità. Allo stesso tempo, grazie alle ciliegie, avrete depurato il sangue, drenato il fegato e migliorato la funzionalità delle vostre articolazioni.

Le ciliegie sono il frutto del Prunus avium, una pianta della famiglia delle Rosacee. Grazie alle loro proprietà depurative, remineralizzanti ed energetiche, sono utili per la salute del fegato, depurandolo e regolandone la sua attività.                                                                    

Sono utili anche per il cuore e, indicate per chi soffre di diabete; contengono, infatti, il levulosio, uno zucchero che non presenta controindicazioni per i diabetici.

Nelle ciliegie si nascondono innumerevoli proprietà importanti per la nostra salute: sono ricche di vitamina C e vitamina A che aiutano a proteggere la vista e contribuiscono al buon funzionamento del sistema immunitario. Contengono acido folico, calcio, potassio, magnesio, ferro,zolfo, fosforo e flavonoidi, antiossidanti importanti per la lotta ai radicali liberi e, grazie ai quali è stimolata la produzione di collagene, oltre a essere un toccasana per la salute cardiovascolare, in quanto aiutano a controllare i livelli di colesterolo nel sangue.

Aiutano, inoltre, a prevenire numerose patologie come l’arteriosclerosi, le disfunzioni renali e l’invecchiamento cellulare.

Delle ciliegie non si butta via nulla: con i peduncoli è possibile realizzare decotti e tisane utili per purificare i reni e calmare la cistite.

Portate ad ebollizione un litro d’acqua e poi immergervi una manciata di gambi secchi di ciliegia. Lasciate in infusione per circa 10 minuti e poi bevete la tisana.

Quelle italiane sono tra le migliori del mondo. In particolare le più note per le loro qualità e per il loro sapore sono coltivate in due zone del paese, precisamente a Vignola, in provincia di Modena e, quelle prodotte a Conversano, in provincia di Bari. Nel territorio pugliese si realizzano il 34 per cento di tutte le ciliegie made in Italy: una ciliegia su tre, in Italia, è di provenienza barese.

Le ciliegie contengono melatonina naturale, una sostanza che regola il cilco sonno-veglia e non solo. 

 Sono un frutto diuretico e leggermente lassativo. Il consumo di ciliegie è considerato particolarmente utile in caso di stipsi.

Per depurare e disintossicare al meglio l’organismo, si consiglia di mangiare 25 ciliegie al giorno, meglio se al mattino, dopo il digiuno notturno, e di accompagnarle bevendo molta acqua.

La ciliegie sono considerate molto efficace per il trattamento della gotta, in quanto contengono un antiossidante chiamato antocianine che aiuta ad alleviare l’infiammazione. La varietà di ciliegie che maggiormente contiene tale antiossidante è una varietà di ciliegie selvatiche di nome visciola.

CURIOSITA’

  • Pare che le ciliegie siano state introdotte in Italia da Lucullio, vengono infatti spesso definite “luculliane”.
  • I peduncoli delle ciliegie sono utilizzati per la preparazione di infusi diuretici.
  • Per conservare più a lungo le ciliegie, prima di metterle in frigorifero inserirle in un canovaccio di tessuto e poi in un sacchetto aperto.
  • CILIEGIE O CILIEGE?

    In base alla regola empirica che si usa per il plurale dei nomi in ➔-cia, -gia, -scia, la grafia corrente del plurale di ciliegia è ciliegie.

    Tuttavia, fino alla metà del secolo scorso ha avuto una certa diffusione anche la grafia ciliege (latino *cereseae). La si ritrova ancora nel titolo dell’ultimo romanzo di Oriana Fallaci, pubblicato postumo: Un cappello pieno di ciliege. In questo secondo caso, la scelta si dovrà o alla formazione linguistica della scrittrice (nata nel 1929) o all’ambientazione storica del romanzo, dato che l’espressione proviene da una lettera che s’immagina scritta nel Settecento.

Ricetta: Costata di ciliegie.

49 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *