Oleoliti: 4 ricette

Gli oleoliti sono dei macerati oleosi realizzati con piante, fiori, spezie e ortaggi. Vanno conservati in contenitori di vetro al buio e si mantengono così per circa un anno.

Se ne possono realizzare diversi. Vediamone qualcuno.

oleoliti

Per il trattamento delle rughe e della cellulite, molto utile è l’oleolito al caffè. Unite 80 gr di alcol alimentare 95 gradi, 600 gr di olio di oliva e 20 gr di chicchi di caffè. Fate macerare per 5 giorni, filtrate e lasciate riposare per altri 10 giorni.

oleoliti

Per idratare e profumare la pelle dopo la doccia, molto buono è l’oleolito alla vaniglia. Incidete la bacca di vaniglia e unite il contenuto a 250 ml di olio di jojoba. Fate riposare in un barattolo di vetro per due settimane agitandolo ogni giorno. Dopodichè filtrate e trasferite in una bottiglietta di vetro scuro.

oleoliti

Per renderei capelli più forti o per un impacco antiforfora, potete realizzare un oleolito alla curcuma. E’ molto semplice, dovete solo unire 3 cucchiaini di curcuma in polvere in 500 ml di olio extravergine, lasciare macerare per una settimana, filtrare e versare in una bottiglia scura di vetro.

oleoliti

Infine, per lenire la pelle in caso di punture di zanzara, molto efficace è l’oleolito di lavanda. Unite 150 gr di fiori di lavanda freschi e 500 ml di olio extravergine di oliva in un barattolo di vetro con chiusura ermetica. Sistematelo al sole per un mese agitandolo ogni giorno, filtrate e conservatelo al buio.

 

471 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *