Fitoterapia: Vita Rossa e Fragilità Capillare

Vite Rossa
Vitis vinifera
Parte utilizzata : foglia
GAMBE PESANTI, VARICI, EMORROIDI, FRAGILITÀ CAPILLARE
CUTANEA, (COUPEROSE, ECCHIMOSI)
Storia

La storia della Vite e del vino è così antica che si confonde con quella dell’uomo. La Bibbia fa risalire la vite a Noè. Le prime tracce di ceppi di vite coltivati sono stati ritrovati sulle pendici del Caucaso, ora attuale Georgia e datati più di 7000 anni fa.

Descrizione

Pianta legnosa a stelo rampicante munito di viticci, la Vite rossa vede le sue foglie, verdi in primavera, pigmentarsi progressivamente per prendere in autunno uno splendido colore rosso sangue.

La pianta della circolazione

Le sue proprietà benefiche sono dovute alla presenza di diverse sostanze che offrono ai vasi sanguigni un’efficace protezione. Gli antocianosidi presentano un’importante attività vitaminica P che combatte l’insufficienza venosa e la fragilità capillare cutanea (grazie all’aumento della resistenza dei vasi e all’aumento della loro permeabilità). I tannini, invece, favoriscono la contrazione delle cellule muscolari dei vasi, facilitando il ritorno verso il cuore del sangue accumulato nelle membra inferiori. La presenza di proantocianidoli nelle foglie di Vite rossa permette un’azione che contrasta i radicali liberi e la stabilizzazione del collagene presente nelle membrane dei vasi. Numerosi studi clinici apportano nuove prove dell’efficacia della Vite sull’insufficienza venosa cronica. In questo modo la Vite rossa tonifica le vene e viene utilizzata nei casi di gambe pesanti, varici, couperose, fragilità capillare e permette anche di alleviare le emorroidi.

3 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *