Le meraviglie e i poteri dell’Olio di Cocco.

Foto: Gilles Lambert

Qualche giorno fa di un tempo ormai passato ho scoperto l’olio di cocco! Quando ho letto che avrei potuto usarlo per cucinare, metterlo sui capelli e perfino sulla pelle mi sono domandata: lo conserverò in bagno o in cucina? In cucina ovviamente e in frigo, per giunta! 😊 (Attenzione: non badate alla marca del prodotto; io ho provato questa ma non ho la certezza che sia la migliore.)

Quali sono le proprietà dell’ Olio di cocco?

  • aiuta il metabolismo rallentato,
  • proteggere l’apparato digerente,
  • aiuta a riequilibrare il dosaggio di alcuni ormoni,
  • rinforza il sistema immunitario,
  • è antimicotico…

Evitate però l’olio di cocco idrogenato!

Naturalmente, essendo un grasso saturo e molto calorico, non va assunto smodatamente, esattamente come il burro. Regolatevi a seconda di quanti grassi assumete nella vostra alimentazione quotidiana, nulla fa bene in grande quantità e preso tutti i giorni, questo è sicuro. Ma quando si tratta di un dolce goloso una volta ogni tanto…io lo utilizzo ed è buonissimo!

E ancora… 🙂

1) Olio di cocco per la cottura.L’olio di cocco è un grasso che si può utilizzare anche per cucinare dato che la sua struttura rimane intatta quando viene riscaldato e non produce sostanze nocive.

2) Olio di cocco montato a neve.Una ricetta golosa e tutta vegetale è quella che utilizza l’olio di cocco per montarlo a neve e farlo così diventare spumoso, una specie di panna montata dalla consistenza soffice e adatto a guarnire o farcire preparazioni dolci.

⭐️⭐️⭐️ Per questa ricetta, che potrete utilizzare sia sul corpo, che in cucina, serve un unico ingrediente di base: olio di cocco. ✨ ✨ ✨

L’olio di cocco è allo stato liquido a una temperatura 24°C circa, mentre il suo punto di solidificazione si attesta intorno ai 15-20°C. Per poterlo trasformare in una spuma leggera evellutata, che rimarrà tale, serve che sia solido (per questo lo chiamo “burro”); e in questo periodo nell’anno, a temperatura ambiente, sarà della consistenza giusta: bianco opaco e che si possa facilmente estrarre dal barattolo affondandovi con decisione un cucchiaio. Se il vostro olio di cocco è in bottiglia, fatelo sciogliere a bagnomaria, versatelo in una ciotola e lasciatelo risolidificare prima di utilizzarlo.

Ora serve la tecnologia: una frusta elettrica, o ancora meglio un robot da cucina potente, che faciliterà e velocizzerà l’operazione. Un mixer o un minipimer non permettono al burro di cocco di montare, perchè lo scalderanno facendolo sciogliere. Mettete il burro di cocco a pezzi in una ciotola e frullate ad alta velocità per almeno una decina di minuti. Incorporando l’aria, si trasformerà in una specie di panna montata dalla consistenza soffice, che si scioglie tra le mani o in bocca. Più pazienza e tempo impiegherete per montare il burro, migliore sarà l’effetto finale.

✨ Per una “panna montata vegan” da spalmare sul pane caldo o affiancare ai vostri dolci, aggiungete qualche cucchiaio di sciroppo d’acero mentre montate il burro di cocco.

✨ Per una crema per il corpo e per i capelli; (i miei sono molto ricci e lo applico quando sono ancora bagnati, dopo li lavo, per poi asciugarli), aggiungete i vostri oli essenziali preferiti;

Se la temperatura scende molto, ho notato che si formano all’interno della spuma delle minuscole perle di burro all’interno del composto, che si sciolgono poi a contatto con la pelle. Per evitarlo, potete aggiungere un 10% del vostro olio preferito nel mixer, come olio di jojoba o di mandorle dolci, ad esempio.

E’ un esperimento che vi consiglio, il burro montato è molto più comodo e pratico da utilizzare dell’olio, non si solidifica più sotto i 20 gradi e sarà sempre facile da spalmare. Perchè non si solidifichi basta tenerlo in un contenitore chiuso ermeticamente a temperatura ambiente.

3) Adatto a chi segue una dieta vegan. L’olio di cocco è un ingrediente che si utilizza spesso all’interno di torte vegan o ricette paleo perché si solidifica a temperatura ambiente e mantiene le preparazioni intatte dando loro la giusta consistenza.

4) Arricchire frullati.Per rendere più nutrienti e ricchi i frullati di frutta e verdura si può aggiungere dell’olio di cocco che contribuirà anche a far assorbire meglio le vitamine liposolubili.

5) Diminuire il senso di fame. C’è chi assume un cucchiaino di olio di cocco prima dei pasti principali in modo da aumentare il senso di sazietà. La scienza ha rivelato che i chetoni (che si producono quando si consuma olio di cocco) possono portare a ridurre l’appetito.

6) Aiuta a bilanciare gli ormoni. L’olio di cocco è un grasso nutriente per le ghiandole surrenali e la tiroide, in grado anche di avere effetti benefici sul bilanciamento degli ormoni.

7) Maggiore energia e migliore metabolismo. I MCT, trigliceridi a media catena, contenuti nell’olio di cocco creano un rilascio di energia a lungo termine e aiutano ad aumentare il metabolismo e la perdita di grasso. Gli acidi grassi a catena media non sono memorizzati come grasso nel corpo sono utilizzati immediatamente dal fegato come fonte di energia.

8) Tiene a bada gli zuccheri nel sangue. L’olio di cocco rilascia i suoi nutrienti lentamente, fornendo una fonte di energia che contribuisce a sostenere i livelli di zucchero nel sangue. Sembra che una dieta integrata con olio di cocco possa mostrare miglioramenti sui livelli di tolleranza al glucosio.

9) Aumenta la funzione cerebrale. Alcuni studi hanno messo in luce alcuni effetti dell’olio di cocco sulla salute del cervello. Si è mostrato utile ad esempio nel trattamento e la prevenzione dell’Alzheimer aiutando le persone a sentirsi più vigili.

10) Contro l’herpes labiale. I composti anti-virali contenuti nell’olio di cocco possono far guarire più velocemente dall’herpes labiale e anche fornire sollievo dal dolore.

11) Allevia il mal di gola. Per lenire il mal di gola provate a sciogliere un cucchiaino di olio di cocco in acqua calda e limone.

13) Per dolori all’orecchio e infezioni. Un rimedio naturale contro dolori all’orecchio e infezioni può essere quello di utilizzare un po’ d’olio di cocco bollito con uno spicchio d’aglio. Una volta lasciato raffreddare utilizzare sulla zona infetta.

14) Trattamento della Candida. Candida Albicans è un lievito e un parassita che, se cresce a dismisura, ruba energia vitale dal corpo. L’acido laurico dell’olio di cocco aiuta a uccidere la Candida.

15) Aumenta le difese immunitarie. Circa la metà del grasso contenuto nell’olio di cocco è acido laurico, una sostanza che si trasforma in monolaurin, un monogliceride che può distruggere virus e batteri, facendolo diventare un trattamento efficace per alcune malattie.

16) Per una migliore digestione. Prendere olio di cocco durante i pasti può aiutare la digestione dato che lubrifica il tratto digestivo consentendo al cibo digerito di passare molto più facilmente.

17. Combatte parassiti. L’acido laurico conteuto nell’olio di cocco è anti parassitario, anti fungino, antibatterico e anti virale, contribuisce dunque a creare un ambiente inospitale per questi microrganismi.

18) Guarisce le scottature. È possibile utilizzare l’olio di cocco per guarire più velocemente scottature e ustioni e fornire immediato sollievo a questi problemi.

19) L’olio di cocco aiuta a ricostruire le pareti intestinali e il suo effetto mucillaginoso facilita il passaggio del cibo nel canale digerente.

20) Liberarsi dai pidocchi. Uno studio ha dimostrato che la combinazione olio di cocco ed estratto di semi di anice è più efficace dei comuni trattamenti antipidocchi.

21) Antinfiammatorio. L’olio di cocco ha dimostrato di ridurre l’infiammazione ed è stata scoperta anche la sua attività analgesica moderata che può aiutare a ridurre il gonfiore e alleviare il dolore.

22) Abbassa la febbre. Lo stesso studio citato sopra ha dimostrato anche come l’olio di cocco possa essere efficace nell’abbassare la febbre.

23) Aumenta il testosterone e riduce il rischio tumore alla prostata. Sembra che l’olio di cocco sia un alimento ottimo per avere un giusto equilibrio ormonale, aiuta non solo a regolare tiroide e surrenali ma sono stati dimostrati anche i suoi effetti benefici sul testosterone e la capacità di diminuire l’incidenza di tumore alla prostata.

USI PER LA CASA E LA BELLEZZA

24) Lucida i Mobili. Si può utilizzare olio di cocco per far brillare i mobili in legno, è probabilmente meno costoso e soprattutto meno tossico dei prodotti che si acquistano a questo scopo.

25) Lucida scarpe. Con l’olio di cocco è possibile anche far brillare le scarpe di pelle, basta un cucchiaino su un panno asciutto da strofinare delicatamente.

26) Tiene lontane le pulci. Proprio come l’olio di cocco funziona per gli esseri umani colpiti dai pidocchi, funziona anche sugli animali per sbarazzarsi delle fastidiose pulci.

27) Salviettine per bambini fai da te. Si possono realizzare delle salviettine per bambini fai da te utilizzando una metà di un rotolo di carta assorbente o tessuto riutilizzabile da mettere in ammollo con una miscela di acqua calda (1 litro), olio di cocco (1 cucchiaio) e sapone liquido all’olio d’oliva (1 cucchiaio).

28) Contro gli arrossamenti da pannolino. Se i più piccoli soffrono di dermatite da pannolino o arrossamenti, si può utilizzare l’olio di cocco che è calmante ed efficace ad alleviare il disagio dei neonati.

29) Olio da massaggio. Se si riscalda l’olio di cocco a bagnomaria e si aggiunge poi qualche goccia di olio essenziale, si ottiene un olio da massaggio perfetto.

30) Verruche. L’olio di cocco è un rimedio naturale per le verruche dato il suo essere antivirale e antifungino. Si può utilizzare sulla verruca comprendo poi con un cerotto.

31) Scrub per il corpo. Se si uniscono insieme zucchero e olio di cocco in parti uguali e si aggiungono alcune gocce dei vostri oli essenziali preferiti si può facilmente realizzare uno scrub corpo da utilizzare ad esempio sotto la doccia.

32) Crema idratante naturale. È possibile utilizzare olio di cocco su tutto il corpo al posto di una normale crema idratante, è ottimo per nutrire la pelle e prevenire l’acne. Molte persone lo usano anche per prevenire le rughe come una normale crema idratante viso.

L’olio di cocco è in grado di bloccare i raggi solare UV del 30% si comporta quindi come una blanda protezione solare che si può usare solamente nelle ore meno calde della giornata e non in piena stagione. Il vantaggio è che a differenza delle creme solari utilizzando olio di cocco si è in grado di sintetizzare vitamina D dai raggi del sole.

34) Lubrificante. L’olio di cocco è una meravigliosa alternativa ai lubrificanti a base di petrolio. Attenzione però perché l’olio di cocco ha il potenziale di indebolire il lattice.

35) Per la salute dei piedi. Applicare l’olio di cocco sui piedi ogni giorno dopo la doccia ha un ottimo effetto antifungino ed evita dunque infezioni. Per avere un effetto ancora più attivo si può miscelare a qualche goccia di tea tree oil.

36) Trattamento per capelli. Come trattamento pre-shampoo per capelli si può utilizzare olio di cocco posizionato la notte prima e tenuto a mo’ di impacco con l’aiuto di una cuffia da doccia. Concentrare l’olio soprattutto sulla punta dei capelli e procedere con il normale lavaggio la mattina seguente.

37) Balsamo per le labbra. Con un cucchiaio di olio di cocco sciolto a bagno maria e poi arricchito con qualche goccia di olio essenziale a piacere potete realizzare un balsamo per le labbra. Una volta solidificato infatti si presta ad essere utilizzato per il benessere delle labbra.

38) Emorroidi. L’applicazione di olio di cocco direttamente sulle emorroidi aiuta ad alleviare il gonfiore e lenisce il dolore.

39) Anti-forfora. Chi soffre di forfora può provare un trattamento del cuoio capelluto a base di olio cocco (1 cucchiaino) e olio essenziale di rosmarino (2 gocce). Basta massaggiare gli oli combinati sul cuoio capelluto e permettergli di penetrare per tutta la notte. Lavare i capelli come al solito la mattina e ripetere fino a quando il problema scompare.

40) Dopobarba. L’olio di cocco è efficace nel calmare l’infiammazione associata alla rasatura. Gli uomini possono quindi sperimentarlo come dopobarba naturale.

41) Punture di zanzare. Si può applicare olio di cocco direttamente alle punture di zanzara per aiutare a lenire il prurito e alleviare il gonfiore.

42) Leva trucco. L’olio di cocco è un buon struccante naturali per occhi, si dissolve anche il mascara in un attimo lasciando la pelle idratata e pulita.

43) Acne. Sia internamente che esternamente, l’olio di cocco è un possibile trattamento dell’acne. Dall’interno aiuta a bilanciare gli ormoni spesso causa di acne, esternamente si può applicare sui brufoli per gli effetti anti-batterici e per ridurre il gonfiore e l’arrossamento.

44) Crema da barba. Se si vuole evitare i prodotti per la rasatura, è possibile provare a utilizzare l’olio di cocco invece della tradizionale schiuma da barba.

45) Contro le smagliature. Smagliature e cicatrici si possono trattare con olio di cocco quando i pori sono più aperti, quindi subito dopo il bagno o la doccia. È inoltre possibile applicare l’olio di cocco sulla pancia per prevenire le smagliature durante la gravidanza.

46) Massaggio perineale in gravidanza. Circa un mese prima del parto è possibile massaggiare il perineo con olio di cocco per abborbidire e preparare la zona, evitando lacerazioni o la necessità di episiotomia.

47) Trattamento per ciglia. È possibile applicare un po ‘di olio di cocco sulle ciglia prima di dormire, questo è particolarmente utile se si usa spesso trucco sugli occhi che indebolisce a lungo andare le ciglia.

48) Per le cuticole. Un massaggio con olio di cocco aiuta il benessere delle cuticole ma anche delle unghie.

49) Vene varicose. Applicare l’olio di cocco ogni giorno per effettuare massaggi delicati in corrispondenza delle vene varicose potrebbe essere un sistema per trattarle in maniera naturale.

50) Antiruggine. Dopo aver lavato e asciugato le vostre pentole potete aggiungere un goccio di olio di cocco per mantenerle antiaderenti e evitare la formazione di ruggine.

CONTROINDICAZIONI. L’utilizzo dell’olio di cocco per via esterna non presenta particolari controindicazioni salvo una eventuale ipersensibilità al prodotto, peraltro molto rara dato che questo grasso vegetale è generalmente ben tollerato. Diversa la situazione se si utilizza olio di cocco per uso alimentare e magari anche molto spesso.

Innanzitutto si tratta di un prodotto molto calorico (circa 850 calorie ogni 100 grammi) inoltre, come abbiamo detto, anche se naturale e di origine vegetale, l’olio di cocco presenta alte concentrazioni di grassi saturi e dunque andrebbe consumato con moderazione. Importante poi acquistarlo di buona qualità, provenienza biologica ma soprattutto spremuto a freddo in modo che si conservino tutte le proprietà.

102 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *