Riflessione: il Tempio.

Foto: Zane Lee

Un tempio è anzitutto una costruzione che viene isolata dallo spazio profano per farne un luogo sacro, un santuario della Divinità. E’ bene costruire tali luoghi: templi, chiese, sinagoghe e ogni altro luogo di culto, affinchè gli essere umani, abbandonando le prosaiche preoccupazioni quotidiane, possano recarvisi, con la consapevolezza che lì la loro anima e il loro spirito riceveranno un nutrimento. L’atmosfera di raccoglimento creata da tutti gli astanti, come pure da tutte le persone che prima di loro sono entrate in quel tempio per raccogliersi in preghiera e per cantare, attira le entità celesti, e in seguito ciascuno se ne va rigenrato, purificato, illuminato e pacificato.

Ma quello spazio sacro lo dobbiamo costruire soprattutto dentro di noi allo scopo di accogliervi la Divinità. Il potere di una preghiera non dipende dal luogo in cui la si pronuncia. Se il vostro santuario inteiore è lasciato in abbandono, le vostre preghiere non saranno ascoltate; ma se, con pensieri, sentimenti e atti ispirati dalla saggezza e dall’amore, avete purificato e illuminato il vostro santuario, ovunque vi troviate la vostra voce salirà fino al cielo.

19 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *